Home Page Storia Premio Albo d'Oro Bacheca Immagini Prime Pagine Testimonianze Memorie Recensioni Copertine  Bandi  Rassegna Stampa  Comuni 
 
 
 
 
 
 
 
TESTIMONIANZE
DEGLI AUTORI
ARCHIVIO
Testimonianza di ANNA VENTURA
  IIIª Edizione - 1989
Testimonianza di MILENA MILANI
  IVª Edizione - 1990
Testimonianza di PIERO MELDINI
  VIIIª Edizione - 1994
Testimonianza di LAURA PARIANI
  IXª Edizione - 1995
Testimonianza di UGO RICCARELLI
  Xª Edizione - 1996
Testimonianza di ANDREA CAMILLERI
  XIª Edizione - 1997
Testimonianza di PIETRO SPIRITO
  XVª Edizione - 2001/2002
Testimonianza di DANIELA LORENZONI
  XVIª Edizione - 2002/2003
Testimonianza di DANILO SACCHI
  XVIIª Edizione - 2003/2004
Testimonianza di ALESSANDRO PERISSINOTTO
  XIXª Edizione - 2005/2006
Testimonianza di ROSELINA SALEMI
  XXª Edizione - 2006/2007
Testimonianza di TEA RANNO
  XXIª Edizione - 2007/2008
Testimonianza di STEFANO BERNAZZANI
  XXIIª Edizione - 2008/2009
Testimonianza di ALESSANDRO BERTANTE
  XXIIIª Edizione - 2009/2010
Testimonianza di ADA ZAPPERI ZUCKER
  XXIVª Edizione - 2010/2011
Testimonianza di BARBARA GARLASCHELLI
  XXVª Edizione - 2011/2012
Testimonianza di GIORGIO FONTANA
  XXVIª Edizione - 2012/2013
Testimonianza di FABIO STASSI
  XXVIIª Edizione - 2013/2014
Testimonianza di FRANCO LIMARDI
  XXVIIIª Edizione - 2014/2015
Testimonianza di SIMONA LO IACONO
  XXXª Edizione - 2016/2017

Testimonianza di Andrea Camilleri


Premio Chianti


Ebbi la percezione che il premio Chianti fosse qualcosa di completamente diverso dagli altri premi letterari fin da quando Paolo Codazzi mi telefonò per dirmi che ero entrato nella cinquina dei finalisti e che dovevo perciò trovare un sabato libero per andare a Greve a incontrarmi con la giuria.
"E perché devo incontrarmi con la giuria?"
"Perché le faranno domande sul libro e lei dovrà dire le sue ragioni".
"Ma da chi è composta la giuria?"
"Da persone di Greve".
"E chi c'è in finale oltre a me?"
Mi disse i nomi. C'era anche Laura Pariani con un libro pubblicato dalla stessa casa editrice che aveva pubblicato me.
"Ma tutti e due siamo editi dalla Sellerio!"
"E che fa?"
Ma come? E i premi letterari che usano il bilancino per dosare le loro strategie?
"Se l'anno scorso abbiamo premiato un libro Mondadori, quest'anno ne dobbiamo per forza premiare uno della Rizzoli"...
Ci andai, un sabato. E mi incontrai con la giuria. Una cinquantina di persone comuni, ma tutti lettori intelligenti, attenti, direi amorosi. Avevano verso il libro e il suo autore un calore contagioso.
Ci tornai il giorno della votazione. Perdetti per un voto in più alla Pariani.
Ma mi consolai abbondantemente la sera alla cena organizzata dai promotori del
Premio. Feci nuove amicizie, ci scambiammo indirizzi e numeri telefonici, ci scrivemmo.
L'anno dopo mi telefonò nuovamente Paolo Codazzi. Noi due, ormai ci davamo del tu.
"Guarda che sei nuovamente finalista".
Tornai a Greve sentendomi contento come chi ritorna in un posto dove ha vissuto a lungo e bene. Parlai del mio libro ai giurati che erano cresciuti di numero. Ma una settimana prima del giorno stabilito per la votazione, fui costretto a fare una non piacevole telefonata a Paolo.
"Non posso venire a Greve. Devo purtroppo trovarmi quel giorno in
tutt'altra parte. Perciò considerami ritirato dal Premio".
"Vedremo".
Passarono una decina di giorni e un pomeriggio mi venne voglia di sapere chi si era aggiudicato il Premio. Telefonai a Paolo.
"Chi l'ha vinto?"
"Tu".
"Ma non glielo hai detto ai giurati che non potevo essere presente?"
"Sì".
"E allora?"
"Non gliene è importato niente. Dammi le coordinate bancarie che ti mando l'assegno".
Eh no! E la cena?
"Senti, Paolo. Trattieni tu i soldi e organizza una cena per tutti. Voglio festeggiare il Premio con tutti i giurati. Poi mi telefoni la data. E io vengo a Greve".
Fu una serata bellissima.